I nostri prossimi eventi

08.04.2017

PROFESSIONI A CONFRONTO: PROMUOVERE L'INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA DELLA RETE OSPEDALE - TERRITORIO

Convegno per i Professionisti Sanitari

La nostra gallery

Sfoglia le foto dei nostri eventi nella Gallery Google+

Le nostre tecnologie

Allestimento del furgone per la Radiologia Domiciliare

Aiutaci

Un piccolo gesto che per noi significa molto...aiutaci con il tuo 5x1000

LO STATUTO

STATUTO dell'Associazione Tecnici Sanitari Volontari

Scarica lo statuto in pdf

 

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI


Art. 1 - Costituzione
È costituita l’Organizzazione di Volontariato denominata “Associazione Tecnici Sanitari Volontari - (ATSV)” in forma d’associazione non riconosciuta, di seguito denominata semplicemente Associazione.
L’Associazione fissa la propria sede a Brescia.
L’Associazione avrà durata illimitata.

Art. 2 - Statuto
L’Associazione Tecnici Sanitari Volontari è disciplinata dagli articoli 36 e seguenti del Codice Civile, dal presente Statuto, dai successivi regolamenti che saranno emanati e dai principi generali dell’ordinamento giuridico.

Art. 3 - Oggetto e scopo
L’Associazione non ha scopo di lucro e persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale.
Oggi è acclarato che, laddove sia possibile, il servizio a domicilio è meglio perché è nell’ambiente domestico che si sviluppano le maggiori possibilità di guarigione o di recupero o di ripresa funzionale.
I vantaggi sono di tipo sociale, economico e relazionale.
A volte il trasporto di malati particolarmente complessi costa alla società mediamente più della prestazione stessa, sottraendo, tra l’altro, mezzi e strutture ad attività per casi più gravi ed urgenti. E’ possibile che per il trasporto debbano venire coinvolti uno o più familiari della persona, presupponendo dunque la perdita di giornate lavorative.
Un aspetto meno evidente ma di straordinaria importanza è quello umano: le persone stanno sicuramente meglio a casa propria ed è documentato da esperienze di ospedalizzazione a domicilio, in tale sede la relazione malato-professionista è enormemente favorita con grande beneficio e soddisfazione di entrambe le parti.
La Radiologia Domiciliare: un servizio al servizio dei pazienti/caregiver.
L’Associazione ATSV si avvarrà in modo determinante e prevalente delle prestazioni personali e volontarie dei propri aderenti, di tutti i Tecnici Sanitari di Radiologia Medica (TSRM) che vogliono dedicarsi al volontariato. Si avvarrà inoltre delle prestazioni di supporto di ulteriori soci collaboratori, in funzione delle rispettive competenze e capacità, pur non appartenenti alla figura professionale dei TSRM.
L’Organizzazione si propone di:
1.eseguire prestazioni radiologiche a domicilio a favore di tutte le Persone (bambini, anziani, disabili, defedati ecc.) le cui condizioni di salute renderebbero molto difficoltoso il trasporto presso strutture pubbliche o private.
2.promuovere la formazione nelle scuole superiori al fine di diffondere la cultura della salute e la conoscenza della professione del TSRM;
3.fornire a tutti i TSRM elementi di conoscenza necessari per mantenersi professionalmente aggiornati e competenti (E.C.M.).
L’Associazione non può svolgere attività diverse da quelle sopra indicate ad eccezione di quelle a loro strettamente connesse o di quelle accessorie a quelle statutarie, poiché integrative delle stesse.


TITOLO II - ADERENTI


Art. 4 - Ammissione
Sono aderenti dell’Associazione tutte le persone fisiche o giuridiche che condividono le finalità dell’Associazione e s’impegnano per realizzarle versando l’eventuale quota di adesione stabilita dal Consiglio Direttivo.
Chi intende aderire all’Associazione deve rivolgere espressa domanda al Consiglio Direttivo recante la dichiarazione di condividere le finalità che la stessa si propone e l’impegno ad approvarne e osservarne lo Statuto e gli eventuali regolamenti.
Il Consiglio Direttivo è competente a deliberare in ordine alle domande di ammissione dei nuovi aderenti. Esso deve provvedervi entro il termine improrogabile di giorni sessanta dal ricevimento dell’istanza, decorso il quale la domanda si intende senz’altro accolta.

Art. 5 - Adesione
L’adesione all’Associazione è a tempo indeterminato e non può essere disposta per un periodo temporaneo, fermo restando in ogni caso il diritto di recesso senza oneri per il socio.
Tra i soci vige una disciplina uniforme del rapporto associativo e delle modalità associative. È pertanto espressamente esclusa ogni sorta di limitazione della partecipazione alla vita associativa; solo i soci godono del diritto di elettorato attivo e passivo.
I soci devono sostenere lo svolgimento delle attività sociali prestando la propria attività in modo personale, spontaneo e gratuito, secondo quanto necessario ai fini del perseguimento degli scopi dell’Associazione. Le concrete modalità di attuazione di detto impegno potranno essere disciplinate da apposito Regolamento approvato dall’Assemblea dei soci.

Art. 6 - Perdita della qualità di socio
La qualità di socio si perde per decesso, recesso e per esclusione secondo le norme del Regolamento.
Chiunque aderisca all’Associazione può in qualsiasi momento notificare la sua volontà di recedere dal novero dei partecipanti alla stessa.
In presenza di inadempienza agli obblighi di versamento oppure di altri gravi motivi, chiunque partecipi alla Associazione può esserne escluso con deliberazione motivata del Consiglio Direttivo.
L’Assemblea dei soci deve ratificare la deliberazione di esclusione del socio secondo le modalità disciplinate dal presente Statuto.
Nel caso l’escluso non condivida le ragioni dell’esclusione, egli può adire il Collegio Arbitrale di cui al presente Statuto; in tal caso l’efficacia della deliberazione d’esclusione è sospesa fino alla pronuncia del Collegio stesso.


TITOLO III - ORGANI


Art. 7 - Organi dell’Associazione
Sono organi dell’Associazione:
a) l’Assemblea degli aderenti;
b) il Consiglio Direttivo;
c) il Presidente del Consiglio Direttivo.

Art. 8 - Composizione dell’Assemblea
L’Assemblea è composta da tutti gli aderenti all’Associazione ed è l’organo sovrano della stessa.
E’ presieduta dal Presidente del Consiglio Direttivo ovvero, in sua assenza, da un socio nominato dall’Assemblea.

Art. 9 - Convocazione
L’Assemblea si riunisce su convocazione del Presidente del Consiglio Direttivo almeno due volte all’anno: entro il mese di aprile per l’approvazione del bilancio consuntivo, ed entro il mese di novembre per l’approvazione del bilancio preventivo dell’anno successivo.
L’Assemblea è convocata mediante avviso affisso nella sede sociale almeno quindici giorni prima della data stabilita per la riunione. L’Assemblea può essere altresì convocata con comunicazione scritta da inviarsi a tutti i soci iscritti nel Libro degli Aderenti, almeno dieci giorni prima dell’adunanza. L’avviso deve contenere l’indicazione del luogo, del giorno e dell’ora della riunione, sia di prima sia di seconda convocazione, e l’elenco delle materie da trattare.
L’Assemblea deve pure essere convocata su domanda motivata e firmata da almeno un decimo dei soci.
L’Assemblea può riunirsi anche in un luogo diverso dalla sede sociale, purché in Italia.

Art. 10 - Oggetto delle delibere assembleari
L’Assemblea:
a) provvede alla elezione del Consiglio Direttivo;
b) delinea gli indirizzi generali dell’attività dell’Associazione;
c) delibera sulle modifiche al presente Statuto;
d)approva il Regolamento che disciplina lo svolgimento dell’attività dell’Associazione;
e)approva il Regolamento che disciplina il funzionamento e l’organizzazione delle Sezioni;
f)delibera sull’eventuale destinazione di utili di gestione comunque denominati, nonché di fondi, riserve o capitale durante la vita dell’Associazione stessa, qualora ciò sia consentito dalla legge e dal presente Statuto;
g)delibera lo scioglimento e la liquidazione dell’Associazione e la devoluzione del suo patrimonio.
Per ogni singola riunione assembleare è redatto apposito verbale che, sottoscritto dal Presidente e dal Segretario, è trascritto nel libro delle adunanze dell’Assemblea.

Art. 11 - Validità dell’Assemblea
L’Assemblea è regolarmente costituita in prima convocazione con la presenza di metà più uno degli aderenti, in proprio o a mezzo delega da conferirsi esclusivamente ad altri aderenti. Ogni aderente non può avere più di due deleghe.
In seconda convocazione l’Assemblea è validamente costituita qualunque sia il numero degli aderenti presenti in proprio o per delega nei limiti sopra specificati.

Art. 12 - Votazioni
L’Assemblea delibera a maggioranza dei voti dei soci presenti.
Hanno diritto di intervenire all’Assemblea e di votare tutti i soci regolarmente iscritti e in regola con il pagamento della quota annuale associativa, ove prevista.
Ogni socio ha diritto ad un voto; non è ammesso il voto per corrispondenza sono ammessi i voti a mezzo delega come previsto dall’art.11.
L’Assemblea, costituita in prima convocazione con la presenza dei tre quarti degli associati e in seconda convocazione con la presenza di almeno la metà degli associati, approva le modifiche statutarie a maggioranza dei voti dei presenti.

Art. 13 - Il Consiglio Direttivo
L’Associazione è amministrata da un Consiglio Direttivo composto da tre a sette membri eletti dall’Assemblea dei soci per la durata di tre anni.
In caso di recesso o decesso di un consigliere, il Consiglio provvede alla sua sostituzione alla prima riunione chiedendone convalida alla prima Assemblea annuale.
Il Consiglio elegge nel proprio seno un Presidente, un Vicepresidente e un Segretario.
Le cariche sociali sono gratuite.
Il Consiglio si riunisce dietro convocazione del Presidente e quando ne sia fatta richiesta da almeno la metà dei suoi membri e comunque almeno due volte all’anno per deliberare in ordine al compimento degli atti fondamentali della vita associativa.
Per la validità delle deliberazioni occorre la presenza effettiva della maggioranza dei membri del Consiglio ed il voto favorevole della maggioranza dei presenti; in caso di parità prevale il voto di chi presiede.
Il Consiglio è presieduto dal Presidente, in sua assenza dal Vicepresidente, in assenza di entrambi dal più anziano di età dei presenti.
Per ogni singola riunione del Consiglio è redatto apposito verbale che, sottoscritto dal Presidente e dal Segretario, è trascritto nel libro delle riunioni del Consiglio Direttivo.
Il Consiglio è investito dei più ampi poteri per la gestione ordinaria e straordinaria dell’Associazione.
Esso procede pure alla predisposizione dei bilanci ed alla loro presentazione all’Assemblea; compila eventuali Regolamenti per il funzionamento organizzativo dell’Associazione, la cui osservanza è obbligatoria per tutti gli associati dopo l’approvazione dell’Assemblea.

Art. 14 - Il Presidente del Consiglio Direttivo
Il Presidente del Consiglio Direttivo è anche Presidente dell’Associazione.
Il Presidente del Consiglio Direttivo è eletto a maggioranza assoluta dei voti dal Consiglio nella prima seduta convocata dal componente più anziano di età.
Il Presidente dura in carica tre anni.
L’Assemblea , con il voto favorevole della metà più uno dei soci aderenti, può revocare il Presidente.
Il Presidente del Consiglio Direttivo rappresenta legalmente l’Associazione nei confronti dei terzi ed in giudizio; cura l’esecuzione dei deliberati dell’Assemblea dei soci.
Al Presidente compete l’espletamento degli atti di ordinaria amministrazione; in casi eccezionali di necessità ed urgenza egli può compiere atti di straordinaria amministrazione che dovranno essere ratificati dal Consiglio Direttivo entro trenta giorni.
Il Presidente convoca e presiede l’Assemblea, il Consiglio Direttivo e cura l’esecuzione delle relative deliberazioni.
Presiede al buon andamento amministrativo dell’Associazione; verifica l’osservanza dello Statuto e dei Regolamenti e ne promuove la riforma.
Il Presidente cura e garantisce l’idonea pubblicità degli atti, dei registri e dei libri associativi.
Il Presidente cura la predisposizione dei bilanci preventivo e consuntivo, corredandoli di idonee relazioni.

Art. 15 - Il Vicepresidente del Consiglio Direttivo
Il Vicepresidente sostituisce il Presidente ogni qualvolta questi sia impedito all’esercizio delle proprie funzioni.
Il solo intervento del Vicepresidente costituisce per i terzi prova dell’impedimento del Presidente.

Art. 16 - Il Segretario del Consiglio Direttivo
Il Segretario svolge la funzione di verbalizzazione delle adunanze dell’Assemblea e del Consiglio Direttivo sottoscrivendone i relativi verbali. Coadiuva il Presidente e il Consiglio Direttivo nell’espletamento delle proprie attività. Cura altresì la tenuta e la custodia dei libri sociali e di quelli obbligatori per legge.
Il Segretario in particolare ha i seguenti compiti:
- provvede alla tenuta ed all’aggiornamento del Registro degli Aderenti;
- provvede al disbrigo della corrispondenza;
- è responsabile della redazione e della conservazione dei verbali di riunione degli Organi Collegiali: Assemblea, Consiglio Direttivo;
- predispone lo schema di bilancio preventivo che sottopone al Consiglio Direttivo entro il mese di Ottobre e del bilancio consuntivo che sottopone al Consiglio Direttivo entro il mese di Marzo;
- provvede alla tenuta dei Registri e della contabilità dell’Associazione nonché alla conservazione della documentazione relativa, con indicazione nominativa dei soggetti eroganti;
- provvede alla riscossione delle entrate ed al pagamento delle spese in conformità alle decisioni del Consiglio Direttivo;
- è a capo del personale.


TITOLO IV - PATRIMONIO E BILANCIO


Art. 17 - Patrimonio
Il Patrimonio dell’associazione è costituito da:
1. quote e contributi degli associati;
2. eredità, donazioni e legati;
3.contributi dello Stato, delle Regioni, di Enti Locali, di Enti o Istituzioni pubbliche, anche finalizzati alla realizzazione di specifici programmi;
4.contributi dell’Unione europea e d’organismi internazionali;
5.entrate derivanti da prestazioni di servizi convenzionati;
6.proventi delle cessioni di beni e servizi, anche attraverso lo svolgimento d’attività economiche di natura commerciale, artigianale o agricola, svolte in maniera ausiliaria e sussidiaria e in ogni caso finalizzate al raggiungimento degli obiettivi istituzionali;
7.erogazioni liberali degli associati e dei terzi;
8.entrate derivanti da iniziative promozionali finalizzate al proprio finanziamento, quali feste e sottoscrizioni anche a premi;
9.altre entrate compatibili con le finalità sociali;
10.dai beni mobili ed immobili che diverranno di proprietà dell’Associazione.

Tutti i beni appartenenti all’Associazione sono elencati in apposito inventario, curato dal Segretario, depositato presso la sede della stessa e consultabile da tutti gli aderenti.
L’importo della quota associativa annuale è stabilito dal Consiglio Direttivo.
Il contributo associativo è intrasmissibile ad eccezione dei trasferimenti a causa di morte e non è rivalutabile.
Le erogazioni liberali in denaro e le donazioni sono accettate dal Consiglio Direttivo.
I lasciti testamentari sono accettati con beneficio d’inventario dal Consiglio Direttivo in armonia con le finalità statutarie, delegando il Presidente al compimento di tutti gli atti necessari.
Le convenzioni sono accettate con delibera del Consiglio Direttivo che autorizza il Presidente a compiere tutti gli atti necessari per la stipula.

Art. 18 - Bilancio
Gli esercizi sociali chiudono il 31 dicembre di ogni anno. Per ogni esercizio è predisposto un bilancio preventivo e un bilancio consuntivo.
Entro i primi due mesi di ciascun anno il Consiglio Direttivo è convocato per la predisposizione del bilancio consuntivo dell’esercizio precedente da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea.
Durante gli ultimi tre mesi di ciascun anno, il Consiglio Direttivo, è convocato per la predisposizione del bilancio preventivo del prossimo esercizio, da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea.
I bilanci devono restare depositati presso la sede dell’Associazione nei quindici giorni che precedono l’Assemblea convocata per la loro approvazione, a disposizione di tutti coloro che abbiano motivato interesse alla loro lettura. La richiesta di copie è soddisfatta dall’Associazione a spese del richiedente.

Art. 19 - Avanzi di gestione
All’Associazione è vietato distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione comunque denominati, nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’Associazione stessa, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte per legge.
L’Associazione ha l’obbligo di impiegare gli utili o gli avanzi di gestione per la realizzazione delle attività istituzionali e di quelle ad esse direttamente connesse.


TITOLO V - DISPOSIZIONI FINALI


Art. 20 - Scioglimento
In caso di scioglimento, per qualunque causa, l’Associazione ha l’obbligo di devolvere il suo patrimonio ad altre Organizzazioni di Volontariato operanti in identico o analogo settore, così come previsto dall’art.5 comma 4 della Legge n.266/91, salvo diversa destinazione imposta dalla legge vigente al momento dello scioglimento.
Lo scioglimento dell’Associazione è deliberato a maggioranza dei tre quarti degli aderenti all’Associazione sia in prima sia in seconda convocazione.

Art. 21 - Clausola compromissoria
Ogni controversia, suscettibile di clausola compromissoria, che dovesse insorgere tra i soci o tra alcuni di essi e l’Associazione, circa l’interpretazione o l’esecuzione del contratto di Associazione e del presente Statuto, sarà rimessa al giudizio di un Collegio Arbitrale composto di tre arbitri, amichevoli compositori, due dei quali da nominarsi da ciascuna delle parti contendenti e il terzo dai due arbitri così eletti o, in caso di disaccordo, dal Presidente del Tribunale di Brescia.
Gli arbitri giudicheranno ex bono et aequo, senza formalità di procedura e con giudizio inappellabile, entro novanta giorni.

Art. 22 - Legge applicabile
Per disciplinare ciò che non è previsto nel presente Statuto, si deve fare riferimento alle norme in materia di Enti contenute nel Libro I, Titolo II del Codice Civile e, in subordine, a quelle previste dalla normativa specialistica di settore.